148

Artista attivo a Roma, secondo quarto del XVII secolo

San Giacomo Minore

Olio su tela
cm. 101x74,5. Con cornice

Il dipinto reca iscrizione a pennello sul margine superiore: "S. JACOBUS MINOR".

Oltre che per l'iscrizione che segnala correttamente il personaggio effigiato, San Giacomo Minore può essere agevolmente individuato per via della imponente clava ch'egli tiene con entrambe le mani, suo principale attributo in quanto strumento del suo martirio secondo la narrazione della Legenda Aurea. Di impressionante concezione monumentale e superba fattura pittorica, esasperatamente realistica nella definizione del volto, della mani e dei capelli, questo dipinto si inscrive pienamente all'interno di una delicata e cruciale fase di transizione della pittura romana, che si attua nel corso del secondo quarto del secolo. Da un lato, infatti, si colgono ancora con chiarezza in quest'immagine potente, sostenuta da una pennellata vigorosamente materica, echi naturalisti post-caravaggeschi, mediati soprattutto da Ribera, Borgianni e Serodine. D'altro canto, già si intravvede nel dipinto un nuovo clima figurativo, meno dipendente dall'imprinting caravaggesco, i cui principali punti di riferimento possono essere riconosciuti in Giovanni Lanfranco e Pier Francesco Mola. 

17/04/2024 06:00:56
Termine asta
1g -24h 0m 0s
Tempo rimanente
€ 12.000,00 / 16.000,00
Stima
8.000,00 €
Base d'asta
 €
La tua offerta
(Il Prezzo di riserva non è stato raggiunto) (Il Prezzo di riserva è stato raggiunto)
Imposta la tua offerta massima
  EUR
Offri
Asta Live 293

Dipinti Antichi dal XIV al XIX secolo. Con una selezione di sculture

Palazzo Caetani Lovatelli, gio 18 Aprile 2024
TORNATA UNICA 18/04/2024 Ore 15:00